Isola Martana… paradiso perduto!

isola martana paradiso perdutoQuesto piccolo isolotto è ciò che resta, come quello bisentino, del cono eruttivo del vulcano sottostante l’attuale lago. Esso dista appena un chilometro dalla costa del lago ed è incredibilmente diverso dal compagno.

I suoi dieci ettari ospitano una comunità vegetale pressoché integra e apparentemente molto più selvatica, quasi tropicale. Le sponde sono popolate da numerose colonie di uccelli acquatici e al di fuori delle specie vegetali ed animali l’isola non è attualmente popolata.

Sicuramente visitato dagli etruschi, forse anche dai romani, l’isola è storicamente famosa per la detenzione di due incredibili donne: Cristina, martire e patrona di Bolsena, fu relegata sull’isola da papa Urbano IV affinché rinnegasse la sua forte fede cristiana; Amalasunta, regina degli Ostrogoti, dal carattere deciso e diplomatico si inimicò i Goti e tramite un complotto di questi col famigliare Teodato fu dapprima imprigionata nell’isola e quindi uccisa nel 535 d.C.

L’isola ha storicamente attratto l’attenzione sia dei nativi dei borghi limitrofi (a questa epoca risale la chiesa di S. Stefano del IX sec.) dei Viterbesi, dei signori di Bisenzio e del papato. Sotto la chiesa l’isola ha vissuto il periodo di massimo splendore.

A partire dal XVII secolo, sotto il ducato di Castro l’isola fu progressivamente abbandonata, le strutture smantellate ed i materiali riutilizzati per la costruzione di Marta. Attualmente l’isola vi è una residenza Privata e non è visitabile.